Concorrenza sleale

concorrenza sleale

Quando si ha una situazione di concorrenza sleale? Rispondere a questa domanda è molto importante, perché aiuta a definire quelli che sono i confini della concorrenza che, come è noto, è alla base dell’economia.

Ogni imprenditore ha diritto a trarre profitto dalla sua attività e questo implica, talvolta, il doversi mettere in competizione con quelli che sono i diretti competitor. La concorrenza, quindi, è vista come confronto tra le imprese in base a quelli che sono i prodotti venduti, i prezzi praticati, i servizi offerti e così via.

Quando si opera in un regime concorrenziale si viene stimolati a cercare di fare meglio per riuscire a vendere i propri prodotti o i propri servizi. Questo rende il mercato più attivo e, quindi, è visto come un bene.

Attenzione, però, a quelli che sono i limiti della concorrenza. Si deve sempre trattare di concorrenza leale, poiché altrimenti si opera in un regime di scorrettezza che può essere sanzionabile.

Fino a quando la concorrenza si definisce leale? Per rispondere a questa domanda dobbiamo fare un riferimento normativo. L’art. 2595 del Codice Civile parla chiaro e dice che la concorrenza è lecita finché non si vanno a ledere gli interessi dell’economia nazionale o non si violi quelle che sono le norme attualmente in vigore.

Gli imprenditori devono, quindi, agire seguendo quello che è il criterio di correttezza professionale.

Quando scatta la concorrenza sleale?

Possiamo, quindi, dire che quando si superano i limiti dell’etica commerciale si entra nel campo della concorrenza sleale.

Possiamo dire che un imprenditore può dirsi vittima di concorrenza sleale quando subisce un danno da un altro imprenditore, anche non operante nel medesimo settore, che si comporta entro i limiti di cui sopra.

Se si ritiene di aver subito questo tipo di danno si deve fare appello a quella che è la normativa attualmente vigente in materia a tutela del mercato. Nello specifico, si fa riferimento alla Legge 287 del 1990 che cerca proprio di regolare situazioni di questo tipo.  In quel momento furono vietati dei comportamenti sleali come, ad esempio, gli accordi tra imprese per danneggiare i concorrenti.

Nello specifico, vengono considerati atti sleali:

  • violazione del patto di non concorrenza che viene stipulato tra un ex dipendete e il suo datore di lavoro
  • dumping ossia la pratica che permette la vendita di prodotti sottocosto per eliminare la concorrenza
  • spionaggio industriale
  • nascondere un conflitto di interessi quando si è soci di più attività concorrenti

Come ci si difende dalla concorrenza sleale?

Sarà necessario produrre delle prove e presentare un ricorso dinanzi al tribunale di competenza. Sarà, quindi, l’imprenditore danneggiato a dover adire la giustizia, premunendosi di prove.

Ecco, quindi, che in questo caso la figura dell’investigatore privato è fondamentale, poiché quest’ultimo riesce a produrre delle prove valide anche in sede giudiziaria.

Sarà possibile provare anche una via extra-giudiziale. In questo caso si deve procedere, sempre con prove alla mano, con una denuncia all’Autorità Garante per la concorrenza e il mercato. Questa sarà chiamata a dare la sua impressione in merito alla domanda che gli viene sottoposta.

Se vengono riscontrati atti sleali si procederà con la richiesta di interruzione degli stessi e del risarcimento dei danni cagionati.

Per quel che concerne quest’ultimo punto è bene sottolineare che il risarcimento deve essere pagato da chi ha commesso gli atti di concorrenza sleale quando si accerta presenza di dolo o di colpa.

La prova del dolo deve essere fornita da colui il quale ritiene di essere stato la vittima di eventuali comportamenti sleali. Anche in questo caso, quindi, la figura dell’investigatore aziendale è di fondamentale importanza.

“Speciale consulenza gratuita”

recupero crediti

Consulenza investigazioni aziendali

Solo tramite il nostro blog, invia una richiesta alla mail dedicata dello Studio D’Angelo Detective e ottieni una consulenza gratuita in merito alla tipologia di  investigazioni aziendali di tuo interesse.

Business Due Diligence

Business Due Diligence

Cos’è la Business Due Diligence Le attività di Due Diligence sono indispensabili per valutare l’affidabilità di un partner economico prima di ogni operazione di fusione,

Vai all'articolo
due diligence reputazionale

Due Diligence Reputazionale

Cos’è la Due Diligenze reputazionale La Due Diligence reputazionale consiste in quel complesso di attività di indagine, audit ed investigazione esterna ed indipendente il cui

Vai all'articolo
due diligence legale

Due Diligence Legale

Quando si fa riferimento alla Due Diligence Legale, si considera un’attività professionale che ha lo scopo di raccogliere quante più possibili informazioni rispetto ad un

Vai all'articolo
Midland interfono

Interfono per Moto

Scegliere il miglior interfono moto L’interfono moto è uno degli accessori che consente di godersi al meglio il viaggio in moto, cambiando modo di comunicare. 

Vai all'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *